Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Omicidio di via della Robbia, eseguita l'autopsia: Maria è stata uccisa domenica Omicidio di via della Robbia, eseguita l'autopsia: Maria è stata uccisa domenica Omicidio di via della Robbia, eseguita l'autopsia: Maria è stata uccisa domenica

Maria Aparecida Venancio de Sousa era stata ritrovata in un'abitazione all'interno di una palazzina di via della Robbia ad Arezzo, legata al letto e con una ferita alla testa. L'esame autoptico è stato eseguito all'ospedale della Gruccia di Montevarchi. La morte di Maria risale a domenica, probabilmente nella notte, dopo che la donna era stata a cena in un ristorante. A questo punto, con lo spostamento in avanti del giorno dell'omicidio, anche l'alibi del marito sarà da verificare. Ancora da chiarire se la donna sia morta per asfissia o per la ferita riportata alla testa. Dubbi che nei prossimi giorni saranno chiariti. Le indagini si stanno concentrando sull'analisi dei tabulati telefonici del cellulare di Maria. Ovviamente ci sono le telefonate con il marito, l'uomo di origine campane che al momento del rinvenimento del cadavere si trovava in provincia di Grosseto: proprio lui aveva fatto scattare l'allarme non riuscendosi a mettere in contatto con la donna. Poi ci sono le telefonate con i parenti e quelle soprattutto con i clienti, quelli che Maria riceveva proprio in quella palazzina. Gente spesso sconosciuta, come ci aveva confidato una persona che la conosceva bene: chi cercava la sua compagnia spesso neanche telefonava annunciando il suo arrivo, presentandosi direttamente al cancello dell'abitazione, sapendo di andare sul sicuro. Nonostante questo tra quei numeri individuati nel cellulare della donna potrebbe anche esserci qualche elemento utile per risalire all'assassino, insieme ai reperti raccolti dalla scientifica durante i sopralluoghi effettuati all'interno della palazzina di via della Robbia. La procura di Arezzo indaga per omicidio volontario.