Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Arezzo, mercoledì l'accertamento sul corpo di Pergentino Tanganelli Arezzo, mercoledì l'accertamento sul corpo di Pergentino Tanganelli Arezzo, mercoledì l'accertamento sul corpo di Pergentino Tanganelli

E' previsto nella mattinata del 31 di luglio l'accertamento sul corpo di Carlo Pergentino Tanganelli, il 72enne morto durante l'alluvione di sabato 27 luglio ad Arezzo. L'esame è stato disposto dalla Procura di Arezzo e sarà eseguito dall'équipe di Medicina Legale dell'Università di Siena. Solo dopo la salma potrà essere restituita ai familiari che potranno dare l'ultimo saluto e organizzare i funerali, quel giorno lo aveva già annunciato il sindaco Alessandro Ghinelli sarà lutto cittadino. Tanganelli, 72enne residente ad Olmo, ex dipendente dell'Agenzia delle Entrate, collaboratore delle Acli e collaboratore della società calcistica Olmoponte - era molto conosciuto e stimato. Viveva a Olmo proprio in questa collina dove adesso le abitazioni sono praticamente isolate per via della furia dell'acqua che ha tagliato in due la strada. L'uomo stava infatti tornando a casa quando il fiume di acqua e fango lo ha travolto mentre si trovava ancora a bordo della sua auto nei pressi di Ristradella. La decisione di lasciare l'auto e procedere a piedi potrebbe essergli stata fatale. Le cause della morte saranno comunque accertate dagli esami disposti dalla procura. Potrebbe essere proprio già l'accertamento sul corpo a far emergere dettagli per capire la dinamica del tragico epilogo.