Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Maltempo Arezzo, l'aiuto di Ubi Banca: plafond da 5 milioni Maltempo Arezzo, l'aiuto di Ubi Banca: plafond da 5 milioni Maltempo Arezzo, l'aiuto di Ubi Banca: plafond da 5 milioni

UBI Banca ha stanziato un plafond da 5 milioni di euro per favorire il ripristino dai danni subiti da imprese e famiglie in seguito a una forte ondata di maltempo che ha colpito in particolar modo Arezzo e provincia, estendibile a zone limitrofe della Toscana. Il plafond è destinato a finanziare le spese di ricostruzione e ripristino degli immobili e dei beni strumentali all’attività e a concedere l’elasticità di cassa venuta meno a seguito degli eventi calamitosi. In particolare il plafond potrà essere utilizzato mediante operazioni chirografarie a medio e lungo termine con durata massima di 5 anni e riduzione delle spese di istruttoria pari ad almeno il 30 per cento del listino e operazioni a breve termine, anche per smobilizzo crediti, con condizioni agevolate.

 “Mi preme esprimere le più sentite condoglianze ai familiari della vittima aretina di questa violenta ondata di maltempo, oltre che la nostra vicinanza a tutte le famiglie e le aziende duramente colpite - afferma Cristian Fumagalli responsabile della Macro Area Lazio, Toscana e Umbria di UBI Banca. -  L’intervento della nostra Banca intende offrire concreto supporto per il superamento di difficoltà e disagi causati dalle calamità naturali abbattutesi su questa area e in particolare ad Arezzo, città che ci sta particolarmente a cuore. E’ possibile rivolgersi al personale delle nostre filiali e ai gestori corporate che sono a completa disposizione per ogni informazione”.