Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Partina(Ar), la casa di una famiglia trasformata in una struttura per il “dopo di noi” Partina(Ar), la casa di una famiglia trasformata in una struttura per il “dopo di noi” Partina(Ar), la casa di una famiglia trasformata in una struttura per il “dopo di noi”

Casa Partina è aperta. Ieri sera inaugurazione con la famiglia Tarchi, Koinè, istituzioni e Usl. Lucia e Andrea Tarchi hanno donato la loro casa perché sia trasformata nel luogo di vita del loro figlio Stefano e di altri 5 ragazzi disabili. E’ stata quindi realizzata una delle prime esperienze di trust previste dalle legge  112 del 2016, conosciuta come legge sul "dopo di noi". Il trust è uno strumento di protezione legale che consente ad una famiglia che ha un figlio disabile di garantirgli un futuro. Il genitore o la famiglia, infatti, possono destinare alcuni loro beni ad un fondo appositamente costituito, avendo la garanzia che questo patrimonio verrà utilizzato a beneficio del loro congiunto. E’ la prima normativa che riconosce specifiche tutele per i disabili dopo la perdita della famiglia o dei congiunti che si erano occupati di lui finché erano in vita.  La legge mira a garantire l'autonomia della persona disabile e consente alla famiglia e al soggetto del trust di lavorare insieme per assicurare la miglior riuscita del progetto di autonomia del disabile.