Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Da Arezzo al Monte Bianco in bicicletta: la grande impresa di Massimo Pascale Da Arezzo al Monte Bianco in bicicletta: la grande impresa di Massimo Pascale Da Arezzo al Monte Bianco in bicicletta: la grande impresa di Massimo Pascale

E' riuscito in 72 ore a percorrere in bicicletta quasi 700 chilometri. Massimo Pascale, 35 anni, è riuscito in una vera e propria impresa: era partito venerdì scorso all'alba da Piazza Grande ad Arezzo con la sua bicicletta da corsa. Con il solo supporto di alcuni amici che lo hanno seguito in camper ha tagliato il suo personalissimo e durissimo traguardo: arrivare sul monte Bianco. L'ultimo tratto partendo dal lago Combal lo ha dovuto per forza scalare a piedi. Dalla Futa all'Emilia, passando per Piemonte e Valle d'Aosta, probabilmente il punto più difficile. Professione operaio, Massimo è di origine lucane anche se da diversi anni vive a Capolona. Un'impresa preparata per tempo soprattutto dal punto di vista fisico e nata dalla voglia di rimettersi in gioco sfidando i propri limiti. Arrivato sulla cima del monte Bianco ha aperto la letterina che il figlio di 11 gli aveva scritto prima di partire. E la dedica per avercela fatta va soprattutto a lui: Massimo vuole essere un esempio, vuole far capire ai giovani il valore della fatica e la gioia di raggiungere traguardi che sembrano impossibili. E dopo avere conquistato il monte Bianco sicuramente avrà in serbo altre sfide per infrangere altri limiti.