Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Spuntano altri nomi nell'inchiesta Coingas, tra gli indagati anche il presidente di Estra Francesco Macrì e l'avvocato fiorentino Pier Ettore Olivetti Rason, al suo studio Coingas ha pagato consulenze esterne per 300.000 euro. 

Si allarga dunque a macchia d'olio l'inchiesta della procura di Arezzo che sta cercando di fare luce sulle consulenze "salate" pagate dall'azienda partecipata del comune di Arezzo e per le quali è finito sotto inchiesta anche il primo cittadino Alessandro Ghinelli, che sarebbe indagato per favoreggiamento. 

Stessa accusa per Franco Scortecci, attuale amministratore unico di Coingas e per la ex dipendente Mara Caicioli. Di concorso in peculato, invece, sono accusati l'assessore al bilancio del comune di Arezzo Alberto Merelli, l'ex amministratore di Coingas Sergio Staderini e Marco Cocci, il commercialista aretino a cui Coingas ha pagato consulenze esterne per 140.000 euro. 

Francesco Macrì è indagato per abuso d'ufficio. Si tratterebbe di un atto dovuto, al presidente di Estra non è stato infatti notificato alcun avviso né è stato oggetto di perquisizioni.