Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

E45, si dovrà attendere la fine di giugno per la riapertura ai mezzi pesanti E45, si dovrà attendere la fine di giugno per la riapertura ai mezzi pesanti E45, si dovrà attendere la fine di giugno per la riapertura ai mezzi pesanti

Dovranno attendere sino alla fine di giugno tir e camion per poter nuovamente attraversare il viadotto Puleto, lungo la E45. Per completare la perizia infatti ci vorrà ancora un mese. Il gip del tribunale di Arezzo Piergiorgio Ponticelli ha accolto la richiesta di proroga presentata dal proprio perito, il professor Claudio Modena, incaricato di svolgere l'esame con incidente probatorio sul Puleto. Nei 60 giorni a sua disposizione, l'esperto, vista la complessità delle verifiche, non è riuscito a raccogliere dati sufficienti per comprendere se il viadotto sia, o meno, a rischio cedimento, come sostiene la Procura di Arezzo. Non sarebbe inoltre chiaro se ci siano responsabilità circa l'omessa manutenzione da parte di Anas, l'accusa che pesa sulla testa di loro cinque dirigenti e funzionari. Il viadotto era stato sequestrato e chiuso completamente al traffico lo scorso 16 gennaio, per rischio collasso. Un mese dopo era stato riaperto, ma solamente al traffico leggero e con una serie di prescrizioni. Ancora ad oggi resta lo stop ai mezzi pesanti, condizione che pesa e non poco sull'economia del territorio. Al momento infatti i lavori di manutenzioni previsti sul viadotto dal gestore, necessari per un'eventuale riapertura totale, non possono iniziare, in quanto potrebbero alterare lo stato dei luoghi ed inquinare i rilievi.