Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Neonatologia, donata un'incubatrice nel ricordo di Anita Neonatologia, donata un'incubatrice nel ricordo di Anita Neonatologia, donata un'incubatrice nel ricordo di Anita

Un’incubatrice per i bambini ricoverati in Neonatologia al San Donato in ricordo della piccola Anita. E’ l’ultima donazione fatta dal Comitato Aretino Neonatologia onlus e presentata questa mattina alla stampa e al personale del reparto. L’incubatrice è stata acquistata su proposta di Anna Cerea e Andrea Chiarini, i genitori di una bambina che purtroppo, nonostante le cure ricevute in reparto, non ce l’ha fatta. “Abbiamo trascorso diverso tempo nel reparto di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale di Arezzo e siamo rimasti davvero colpiti dal fantastico lavoro che ogni giorno fa tutto lo staff – racconta Anna - Non solo in termini di professionalità medica ed infermieristica, ma anche dal punto di vista umano, accompagnando i genitori passo dopo passo e prendendosi cura dei piccoli con una dedizione fuori dal comune. Io e Andrea desideriamo con tutto il cuore che le cure e le attenzioni che la nostra piccola Anita ha ricevuto, siano garantite a tutti i bimbi che passeranno dalle loro braccia. Per questo abbiamo fatto un appello chiedendo, non solo ai nostri amici e parenti ma a tutta la comunità, di fare una donazione al Comitato Aretino Neonatologia per sostenere il reparto di Neonatologia e aiutarlo a rimanere un riferimento di eccellenza”. E l’invito è stato ampiamente raccolto visto che grazie alle donazioni è stato possibile acquistare un'incubatrice dal valore di 25.000 euro. “Non vogliamo però fermarci qui – continua Anna - Dall'inizio di quest'anno sono entrata a far parte del consiglio del Comitato perché voglio continuare a contribuire e, insieme agli altri soci, promuovere sempre più iniziative a favore dei piccoli pazienti e delle famiglie, per rendere sempre più umanizzato il periodo di ospedalizzazione”.