Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Affitti a turisti stranieri: maxi evasione scoperta in provincia di Arezzo Affitti a turisti stranieri: maxi evasione scoperta in provincia di Arezzo Affitti a turisti stranieri: maxi evasione scoperta in provincia di Arezzo

600.000 euro occultati al fisco nel settore degli affitti turistici, rivolti prevalentemente all'estero. La Guardia di Finanza di Arezzo negli ultimi mesi ha messo nel mirino 30 società particolarmente note in Valdichiana e Valtiberina, specializzate nell'affitto di case e ville, destinate a turisti stranieri. Gli immobili erano pubblicizzati su internet con siti costruiti in diverse lingue. Dall'incrocio delle banche dati disponibili presso il Comando provinciale della Guardia di Finanza e dall'utilizzo combinato di tecniche di analisi delle operazioni contabili e di indagini finanziarie, sono saltati fuori i 600.000 sommersi e non dichiarati al fisco. Si tratta di attività che fanno vera e propria concorrenza sleale alle strutture alberghiere. Questo tipo di alloggi meno convenzionali rappresentano ormai il 72% dei posti letto totali ed in passato presentavano alti tassi di evasione che, nel tempo, si sono ridotti, pur ancora con qualche falla come dimostra quest'ultima operazione della Guardia Di Finanza. Un settore quello turistico in grande crescita: nel 2018 la provincia di Arezzo ha fatto registrare una crescita dell'11,2% di arrivi in provincia rispetto all'anno precedente. Ecco dunque, alla luce di questi numeri, come diventa fondamentale garantire la massima trasparenza e correttezza di chi opera nel settore della ricettività.