Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Fraternità Federico Bindi, raccolti oltre 15000 euro per realizzare "Casa Federico" Fraternità Federico Bindi, raccolti oltre 15000 euro per realizzare "Casa Federico" Fraternità Federico Bindi, raccolti oltre 15000 euro per realizzare

Esattamente 15.818 euro sono stati raccolti per il progetto della Fraternità Federico Bindi onlus che prevede l’apertura di un secondo appartamento denominato “Casa Federico” destinato a persone in difficoltà abitativa che hanno seguito un percorso con i volontari del centro diurno della Fraternità. Lo straordinario risultato della raccolta fondi è stato possibile grazie all’impegno di tanti privati - sono stati circa 100 i donatori individuali, oltre a gruppi di amici come il gruppo “La Piazzetta” - ma anche di organizzazioni come la pro-loco di Bagnoro, il Centro aggregazione Fiorentina e la sezione soci coop di Arezzo che hanno donato i proventi di iniziative e mercatini organizzati ad hoc. Le donazioni sono arrivate anche dall’estero: Germania, Spagna, Inghilterra. “È un risultato che ci onora” dice Cristiano Rossi presidente della onlus “faremo tesoro della fiducia che è stata riposta in noi e ci impegneremo sempre di più affinché chi si trova in difficoltà trovi una seconda chance per poter ripartire, sempre valorizzando la dignità umana”. La Fondazione “Il Cuore si scioglie” infine ha avuto un ruolo determinante: infatti le donazioni raccolte tramite la piattaforma digitale Eppela sono state di oltre 7.000 euro, raddoppiate dalla Fondazione che ha quindi permesso al progetto di raggiungere gli oltre 15mila euro. L’impegno della Fraternità è quotidiano nella gestione del Centro diurno in Via Chiassaia e del grande numero di progetti che permettano a chi si trova in difficoltà abitativa, temporaneamente o meno, di trovare un luogo familiare, affidabile e serio che possa ascoltare e concretamente dare una mano per “ripartire”.