Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

La Cotto Pratigliolmi è fallita, 52 lavoratori nella disperazione La Cotto Pratigliolmi è fallita, 52 lavoratori nella disperazione La Cotto Pratigliolmi è fallita, 52 lavoratori nella disperazione

Fallita. Il Tribunale di Arezzo ha scritto la parola fine alla storia della Cotto Pratigliolmi di Faella. La sentenza è stata depositata e i sindacati di categoria Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil hanno già chiesto un incontro al curatore fallimentare. La storia della fornace era iniziata nel 1961, aveva conosciuto fasi di sviluppo ma nel luglio dello scorso anno si era registrata, con la messa in liquidazione, il penultimo atto di una lunga crisi. Adesso l’epilogo con 52 lavoratori che hanno perduto l’occupazione e che, ad oggi, non hanno nemmeno la certezza di poter continuare ad usufruire, fino alla sua conclusione e cioè al febbraio 2020, della cassa integrazione speciale. “Quello che abbiamo registrato non è stato un epilogo inatteso – commentano Conti, Pittarello e Calemme dei sindacati Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil. In questi mesi abbiamo avuto incontri con le istituzioni: dal Comune di Castefranco Pian di Scò alla Regione Toscana alla Prefettura di Arezzo. Abbiamo tentato di contrastare un declino che si è materializzato prima con la messa in liquidazione e poi con l’apertura delle procedure di licenziamento per tutti gli addetti. Adesso il Tribunale di Arezzo ha scritto la parola fine. Con il curatore fallimentare vedremo di garantire il rispetto di tutti i diritti dei lavoratori e ci auguriamo che l’attività, con una nuova proprietà, possa riprendere. Purtroppo, ad oggi, questa è solo una speranza. La realtà è un’azienda che chiude e un altro colpo che viene assestato all’occupazione e all’economia del Valdarno, nonché ad un settore, quello delle costruzioni, in crisi sempre più grave con un crollo occupazione che è ormai arrivato al 50%”.