Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Viadotto E45, quattro milioni per le imprese danneggiate dalla chiusura Viadotto E45, quattro milioni per le imprese danneggiate dalla chiusura Viadotto E45, quattro milioni per le imprese danneggiate dalla chiusura

Oltre 4 milioni di euro per le aziende danneggiate dalla chiusura del viadotto Puleto, sotto sequestro dallo scorso 16 gennaio ed ancora chiuso al traffico pesante. Questa la dote finanziaria di un bando regionale per la concessione di microcredito. A renderlo noto è la Regione spiegando che le domande potranno essere presentate dal 18 aprile fino al 25 marzo 2020. Il bando è rivolto alle imprese che si trovano nei Comuni di Anghiari, Badia Tedalda, Caprese Michelangelo, Monterchi, Pieve Santo Stefano, Sansepolcro, Sestino, Chiusi della Verna, tutti in provincia di Arezzo. Per poter accedere occorre aver subito un danno indiretto: un decremento del fatturato pari o superiore al 10%, oppure un aumento pari o superiore al 10% dei costi di trasporto della merce e/o di approvvigionamento di materie prime o dei costi sostenuti per l'effettuazione delle missioni dovuti alla forzata percorrenza di tratti autostradali o stradali aggiuntivi in conseguenza della chiusura della E45. L'aumento dei costi o il decremento di fatturato, per un importo minimo di 5 mila euro costituisce la soglia minima per la concessione del microcredito. Tra le spese ammissibili rientrano tutte quelle connesse alla ripresa ed al funzionamento delle attività che hanno subito danni indiretti dalla chiusura della viabilità. L'agevolazione viene concessa sotto forma di finanziamento agevolato a tasso zero, non supportato da garanzie personali e reali in regime 'de minimis'. L'importo può variare da un minimo di 5 mila ad un massimo di 20 mila euro per ogni singola domanda