Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Tragedia dell'aliante, indagato il proprietario della pista di Castroncello Tragedia dell'aliante, indagato il proprietario della pista di Castroncello Tragedia dell'aliante, indagato il proprietario della pista di Castroncello

Un nome è stato iscritto sul registro degli indagati dal pm Angela Masiello, per la tragedia di Enzo Acanti, il 73enne morto con l'aliante precipitato durante il decolloE' quello di  Antonello Budini Gattai, l'unico testimone della tragedia, titolare della struttura e anche il primo soccorritore. Il 73enne era precipitato la scorsa domenica col suo aliante in un campo a margine dell’aviosuperficie Sant’Apollonia di Castiglion Fiorentino, fra Castroncello e Montecchio Vesponi. Presente al momento della tragedia unicamente Antonello Budini Gattai al posto di manovra del verricello che azionava il cavo grazie al quale avrebbe dovuto decollare il pilota col suo velivolo. Ma qualcosa è andato storto, l’aliante si è sollevato solo di una trentina di metri e non riesce a decollare davvero ed è precipitato. L'aliante si è spezzato, Enzo è morto sul colpo. Ovviamente l'avviso di garanzia appare come un atto dovuto, a tutela dell'uomo e che gli gli consentirà di nominare un consulente di parte negli accertamenti tecnici irripetibili che si svolgeranno. Il pm ha infatti disposto sul corpo della vittima l'accertamento autoptico, che si svolgerà domani. Solo dopo si potrà pensare al dissequestro della salma.