Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Al via ad Arezzo Fiere "Italia Legno Energia" Al via ad Arezzo Fiere "Italia Legno Energia" Al via ad Arezzo Fiere

Italia Legno Energia scalda i motori. La terza edizione della fiera dedicata alle soluzioni tecnologiche per il riscaldamento e la produzione di energia con le biomasse agroforestali è pronta ad accogliere oltre 180 aziende, che dal 22 al 24 marzo animeranno la Fiera di Arezzo con la più completa proposta espositiva dell’anno. Dalle macchine e le attrezzature per la produzione e il pretrattamento dei biocombustibili legnosi alle soluzioni tecnologiche più moderne e innovative in fatto di riscaldamento domestico, civile, industriale, Italia Legno Energia è infatti l’unico appuntamento italiano del 2019, aperto agli operatori e al grande pubblico, che si propone come la più importante piattaforma dedicata al business e alle novità di settore. Ma la tre giorni, organizzata da Piemmeti Spa (la società di Veronafiere che nella città scaligera realizza Progetto Fuoco, il più importante salone mondiale dedicato alle tecnologie per il riscaldamento con le biomasse forestali), sarà anche un’occasione strategica per fare il punto sulle principali istanze della filiera, sullo sfondo della nuova politica energia/clima europea e degli obiettivi dell’Italia per il 2030. Cinque, in particolare, le linee guida messe in campo dalle principali associazione di categoria, AIEL in testa (partner tecnico della fiera): accelerare e sostenere la sostituzione delle vecchie stufe con apparecchi a legna e pellet di ultima generazione ad alto rendimento; promuovere l’uso di combustibili legnosi certificati e di qualità; garantire una periodica manutenzione straordinaria degli apparecchi da parte di operatori professionali; assicurare una corretta installazione attraverso installatori qualificati; promuovere tra i cittadini le buone pratiche nell’utilizzo degli apparecchi a biomasse, compresa la loro manutenzione quotidiana