Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Boldi si è dimesso: lascia Arezzo Fiere e Confartigianato Boldi si è dimesso: lascia Arezzo Fiere e Confartigianato Boldi si è dimesso: lascia Arezzo Fiere e Confartigianato

Con due distinti comunicati stampa, Andrea Boldi annuncia le proprie dimissioni da presidente di Arezzo Fiere e da tutte le cariche ricoperte in Confartigianato: "In data odierna ho rassegnato le dimissioni dalla carica di presidente di Arezzo Fiere e Congressi, al termine di cinque anni non privi di difficoltà ma anche di grandi soddisfazioni. Il centro affari ha affermato il proprio potenziale di crescita, in termini fieristici, congressuali e concorsuali, ma il lavoro da fare è ancora lungo ed impegnativo e richiederà unità di visione dei soci e professionalità in grado di concretizzare le future strategie. Vi sono di certo solide basi su cui fondare con impegno una nuova stagione di sviluppo e crescita. Ringrazio gli enti, in particolare la Regione Toscana, tutte le forze economiche e sociali che mi hanno consentito di lavorare proficuamente, gli aretini che hanno sempre più apprezzato e valorizzato il nostro centro fiere e gli orafi che con il loro supporto fin da subito hanno dato senso e sostanza a ciò che è stato fatto. A tutti loro, ai collaboratori e colleghi, che hanno condiviso scelte e impegno vanno la mia gratitudine e la mia riconoscenza. Grazie di cuore". Poi la nota sulle dimissioni da Confartigianato: "Rassegno oggi le dimissioni da tutte le cariche provinciali, regionali e nazionali di Confartigianato e dal ruolo di consigliere della Camera di Commercio di Arezzo.  Ho sempre considerato ogni attività pubblica come servizio agli interessi comuni, da non piegare mai a quelli particolari o ancor peggio politici, e queste sono le uniche “regole” in cui mi riconosco, perciò decido oggi di andarmene, confidando nel tempo che è sempre il miglior giudice del nostro operato. Un saluto, il più sentito va agli orafi di Confartigianato, con gratitudine per il supporto e l’aiuto di questi anni ed a tutti i colleghi che ho avuto la fortuna di conoscere ed apprezzare in questo lungo percorso associativo".