Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Carrozziere si improvvisa medico. Ecco chi è. Denunciato dalla Gdf Carrozziere si improvvisa medico. Ecco chi è. Denunciato dalla Gdf Carrozziere si improvvisa medico. Ecco chi è. Denunciato dalla Gdf

Dalla tuta blu di carrozziere al camice bianco di medico, un passaggio apparentemente arduo ma, di fatto, attuato da un aretino. Si tratta di Giancarlo Turchetti, scoperto e denunciato dalle Fiamme Gialle di Arezzo accusato di esercitare "abusivamente" la professione di medico.  I finanzieri hanno scoperto, al termine di delicate indagini, che l'uomo oltre ad essere socio di un’attività di carrozzeria e di commercio di autovetture, esercitava anche la professione di “naturopata”, una disciplina che una legge della Regione Toscana inserisce tra quelle cosiddette del “benessere e bio-naturali”. Fin qui nessun problema, se non fosse che Turchetti, in virtù di questa professione, pare esercitasse anche quella di medico in maniera del tutto abusiva. 

"Le indagini - si legge nel comunicato - dei finanzieri del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Arezzo, condotte con l’esecuzione di perquisizioni domiciliari e l’audizione di numerosi “pazienti”, hanno permesso, invece, di acclarare una vera e propria attività medica posta in essere dall’indagato, con tanto di visita e raccolta dell’anamnesi dei pazienti, anche mediante l’esame di referti di laboratorio o altri esami clinici, pure invasivi, fino alla prescrizione di farmaci. Tra i destinatari delle prestazioni “mediche” vi erano ignari pazienti affetti anche da patologie gravi, ai quali venivano fornite indicazioni per la cura degli effetti collaterali delle terapie farmacologiche cui erano sottoposti. Di fondamentale importanza, per la ricostruzione dei fatti, sono state proprio le dichiarazioni raccolte dagli “assistiti”. I titoli accademici che il professionista si vantava di possedere risultavano essere stati rilasciati da Università, italiane ed estere, non riconosciute dall’ordinamento nazionale. Per tale ragione, il soggetto è stato denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Arezzo per il reato di “abusivo esercizio della professione medica”. Il servizio, svolto in stretta sinergia con la locale Procura della Repubblica, rientra tra le attività poste in essere dalla Guardia di Finanza a tutela della salute dei cittadini."