Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Abusi sessuali in casa famiglia, chiesto il rinvio a giudizio per due giovanissimi Abusi sessuali in casa famiglia, chiesto il rinvio a giudizio per due giovanissimi Abusi sessuali in casa famiglia, chiesto il rinvio a giudizio per due giovanissimi

“Mandateli entrambi a processo”. Questa la richiesta della procura del tribunale dei minori di Firenze che ha chiuso l'inchiesta ed ha chiesto il rinvio a giudizio per i due giovanissimi, coinvolti nella triste vicenda dei presunti abusi sessuali su una bimba di 10 anni, all'interno di una casa famiglia di Vitiano. Uno dovrà rispondere di tentata violenza sessuale, l'altro invece di violenza privata. Il primo, un 15enne, infatti avrebbe spogliato la vittima in camera da letto, tentando un rapporto sessuale, che alla fine non si era consumato. L'altro invece, un giovane di 16 anni, intercettato con delle cimici, si sarebbe reso responsabile di un'aggressione, non a sfondo sessuale. La procura di Arezzo intanto sta indagando su responsabili ed operatori della comunità, con l'ipotesi di reato di omessa vigilanza. I fatti risalgono al marzo 2018. A far emergere la triste vicenda un blitz della Polizia Municipale. Le indagini avevano preso avvio da una confidenza della stessa bambina, poi sentita in incidente probatorio. I familiari della piccola hanno chiesto adesso un risarcimento alla Asl.