Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Blitz dei Carabinieri in un certo di recupero di materiali ferrosi di Cortona Blitz dei Carabinieri in un certo di recupero di materiali ferrosi di Cortona Blitz dei Carabinieri in un certo di recupero di materiali ferrosi di Cortona

Stock di batterie esauste, rifiuti elettrici ed elettronici, ma anche oli ed estintori obsoleti. Insomma rifiuti di ogni genere, speciali e pericolosi. Questo quanto scoperto a Cortona dai carabinieri Forestali, che hanno sequestrato un centro di recupero e rottamazione e denunciato il titolare dell'attività. Il centro era seguito da tempo, ed era stato constatato un flusso continuo di conferimenti di materiali metallici da parte di trasportatori che on risultavano abilitati alla gestione di rifiuti. Il pm Laura Taddei ha così disposto l'ispezione. Questa mattina i militari, assieme ai tecnici Arpat, hanno trovato una situazione ancor più critica del previsto: rifiuti di ogni genere, stock di batterie esauste e di estintori obsoleti, rifiuti elettrici ed elettronici (i Raee), olii ed altri rifiuti speciali, dislocati anche in aree che non risultavano autorizzate al deposito o non in linea con le normative di sicurezza. In un settore dell’impianto era stato dato fuoco a degli scarti di mobilia per “riscaldare” le cucce dei cani, che si trovavano nello stabilimento. Gli stessi rottami metallici e ferrosi che il centro avrebbe dovuto limitarsi a trattare, risultavano ammassati frammisti a materiali pericolosi. I carabinieri Forestali hanno proceduto al sequestro delle aree e dei cumuli di rifiuti irregolari, che dovranno ora essere smaltiti nei modi corretti. Il titolare dell’impianto è stato denunciato, ma continuano gli accertamenti.