Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Picco dell'influenza, migliaia gli aretini a letto Picco dell'influenza, migliaia gli aretini a letto Picco dell'influenza, migliaia gli aretini a letto

Sono migliaia gli aretini costretti in questi giorni a letto influenzati. Abbiamo infatti toccato il picco del contagi stagionale, complici le temperature rigide, le perturbazioni provenienti dalle regioni polari, che hanno portato neve, gelo e temperature a picco.«Chi non si è vaccinato ha preso la febbre a 39-40 per 4-5 giorni con diverse complicazioni come polmoniti e otiti – spiega il dottor Ugo Pancani in rappresentanza dei pediatri aretini – quest’anno comunque abbiamo vaccinato più bambini dell’anno scorso e ne avremmo potuti vaccinare anche di più se non fossero mancati i sieri visto che la Asl ne ha distribuiti gratuitamente meno delle richieste. Dalla scorsa settimana siamo nel picco dei contagi. Con l’influenza serve tanta pazienza, un po’ di tachipirina, il consulto del medico e poi una dieta leggera a base di vitamina c da assumere preferibilmente con gli agrumi, evitare sbalzi e idratarsi molto». Non solo i bambini, anche gli adulti adesso vivono il picco dei contagi e mancano da uffici e posti di lavoro. «In queste settimane siamo nell’apice della virulenza come era prevedibile – spiega il dottor Dario Grisillo direttore del dipartimento di medicina generale della Asl Toscana sud est - sia per il freddo che soprattutto per gli sbalzi di temperatura a cui siamo sottoposti in questo periodo. A partire dalle vacanze di Natale in poi il virus ha visto aumentare notevolmente il contagio e se in famiglia anche solo una persona prende l’influenza, contagia tutti. Per fortuna, sembra che il vaccino anti influenzale funzioni bene. Chi lo ha fatto al massimo si ammala per un paio di giorni e senza complicanze. Chi non si è vaccinato può restare influenzato anche per una settimana. Le complicanze si riscontrano invece nelle persone anziane per cui andrebbe fatto un cordone sanitario intorno e tutta la famiglia dovrebbe vaccinarsi». E se adesso non ha più senso fare il vaccino, chi ha fatto profilassi per tempo si salva dai sintomi peggiori. «Quest’anno abbiamo vaccinato più pazienti dell’anno scorso, ecco perché i casi gravi sono minori e la fase acuta dura meno giorni. Ricordiamo comunque che l’influenza è un virus che non risponde agli antibiotici che invece servono solo per complicanze e solo se li prescrive il dottore – continua Grisillo – dobbiamo prendere solo antipiretici e stare a riposo, mangiare frutta, tanti agrumi, e verdura e assumere così la vitamina c. E poi ci vuole un po’ di sana pazienza e un po’ di riposo per evitare complicanze».