Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Arezzo Fiere, congelata la vendita delle fiere orafe a Ieg Arezzo Fiere, congelata la vendita delle fiere orafe a Ieg Arezzo Fiere, congelata la vendita delle fiere orafe a Ieg

Alla fine la Regione Toscana si era detta favorevole alla cessione delle fiere orafe a Ieg, avallando dunque la strada delineata dal presidente Boldi. L'assemblea dei soci di Arezzo Fiere ha da una parte rinviato al 16 febbraio la sfiducia di Boldi e dall'altra ha spostato in avanti anche la cessione delle Fiere. Per la Regione era presente l'assessore regionale Ciuoffo, mentre la maggioranza deglio altri soci (Comune di Arezzo, Provincia, Camera di Commercio) per questioni tecniche hanno votato per differire la cessione, visto che siamo di fronte ad un cda mutilato dopo le dimissioni delle scorse settimane. Boldi per il momento rimane al suo posto. 

"Mi chiedo - ha detto Silvia Chiassai, presidente Provincia di Arezzo -  perché oggi si sia cercato in ogni modo di forzare la mano verso un voto sulla proposta, che fortunatamente, con grande senso di responsabilità, la maggioranza, sia pubblica che privata, si è espressa per un rinvio della discussione su questo punto. Mi chiedo anche il motivo per il quale, invece, la Regione si sia opposta; forse conosceva la proposta a differenza degli altri soci pubblici visto che era l’unico firmatario pubblico del protocollo d’intesa, secretato a tutti gli altri soggetti? Credo che l’unica strada da percorrere sia  che tutti i soci e la stessa società IEG tornino a sedersi ad un tavolo avendo potuto contare su  di un lasso di tempo adeguato per un’analisi nel dettaglio della proposta".