Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Anghari (Ar), allarme polpette avvelenate Anghari (Ar), allarme polpette avvelenate Anghari (Ar), allarme polpette avvelenate

Napoleone non torna da questa mattina.. se qualcuno avesse notizie mi chiami per favore!”.

Scriveva così Letizia, sul suo profilo Fb, il 28 gennaio scorso. Purtroppo il suo fidato amico a 4 zampe, Napoleone appunto,  non è più tornato a casa ed è morto per aver ingerito una polpetta avvelenata.

Il caso è accaduto ad Anghiari, Valtiberina aretina, ed è stato denunciato pubblicamente dalla proprietaria di Napoleone per mettere in guardia i proprietari di animali e non solo. Il fenomeno, infatti, sembra in aumento ed è ovviamente pericolassimo anche per chi ad esempio con bambini piccoli passeggia nella zona.

Le polpette sono state ritrovate via del Carmine, “!!POLPETTE IN VIA DEL CARMINE!! scrive infatti Letizia e quelle ingerite da Napoleone non sarebbero le uniche ritrovate nei dintorni.

Il fenomeno purtroppo sembra in aumento, “purtroppo sono tante -scrive Letizia - le persone che come me hanno dovuto fare i conti con questo scempio: magari sentiamoci e vediamo cosa si può fare!
Non parlo di iniziative violente o di odio, parlo di iniziative costruttive per evitare che questo non si ripeta, o almeno che si ripeta meno spesso!
Non mi abbasso al livello degli altri, ma voglio continuare a sperare in quella percentuale della popolazione che conserva un po' di umanità!