Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

I Carabinieri della Stazione di San Giovanni Valdarno, in collaborazione con i colleghi del Nucleo Operativo e Radiomobile, hanno deferito in stato di libertà 10 ragazzi di età compresa tra i 15 ed i 17 anni ed un maggiorenne.
Le indagini hanno avuto inizio a seguito della denuncia di un trentenne italiano che, lo scorso mese di ottobre, mentre accompagnava con il passeggino la figlia, passando vicino al gruppo di undici ragazzi riunito nei pressi di una panchina, li aveva redarguiti poiché gli stessi si lanciavano dei sassi per gioco, con il rischio che qualche pietra potesse colpire anche la bambina.
Dopo un primo diverbio, il gruppo di giovani proferendo minacce di morte, si era scagliato contro il trentenne che, a quel punto, ha avuto la peggio: colpito con calci e pugni veniva in seguito costretto a ricorrere alle cure dei sanitari, ricevendo otto giorni di prognosi.
Le indagini dei Carabinieri, che si sono avvalse anche del contributo di alcuni testimoni, hanno permesso di identificare il gruppo degli 11 ragazzi, alcuni dei quali di origine straniera, che sono stati segnalati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori di Firenze e alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Arezzo per i reati di lesioni aggravate e minaccia aggravata.