Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Imbottigliati per ore lungo la Regionale 69, questo il destino di decine e decine di automobilisti che dal Valdarno aretino stavano rientrando verso il capoluogo e sono rimasti bloccati nella chilometrica coda che si è creata a seguito dello schianto frontale tra Indicatore e Pieve a Maiano.

L'incidente, in cui sono rimaste ferite due persone, di cui una gravemente, si è verificato pochi minuti prima delle 17.

Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118, che hanno allertato anche il Pegaso per il ferito piu grave, un 33enne di Arezzo. A lavoro anche i Vigili del Fuoco, per ripristinare la sede stradale, operazioni che si sarebbero concluse nell'arco di un paio di ore, ma la regionale 69, un'arteria fondamentale per la viabilità della provincia di Arezzo,è rimasta comunque bloccata per quasi cinque ore.

Per i rilievi di legge è intervenuta una pattuglia della Polizia Stradale del Valdarno.

Tanti gli automobilisti che si sono trovati nel traffico paralizzato e che si sono rivolti agli organi di informazione per capire cosa stesse accadendo e quando la strada sarebbe stata riaperta.

Il traffico è tornato a scorrere regolarmente attorno alle 20,45.