Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Rivogliono la libertà ed i 25 milioni sequestrati: la richiesta dei Moretti al Riesame Rivogliono la libertà ed i 25 milioni sequestrati: la richiesta dei Moretti al Riesame Rivogliono la libertà ed i 25 milioni sequestrati: la richiesta dei Moretti al Riesame

Hanno richiesto la libertà e di riavere indietro 25 milioni di euro. I legali di Antonio ed Andrea Moretti, padre e figlio finiti agli arresti domiciliari dopo il maxi blitz della Guardia di Finanza di Arezzo, hanno infatti presentato ricorso al Riesame, chiedendo la sospensione del provvedimento scattato lo scorso 23 novembre. Stessa richiesta avanzata anche dai legali di Paolo Farsetti e Marcello Innocenti, rispettivamente  responsabile della linea di abbigliamento e ragioniere del gruppo, anche loro finiti agli arresti domiciliari. Per i quattro l'accusa è quella di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio e all'autoriciclaggio e alla commissione di reati bancari e fiscali. Era stato inoltre disposto anche il sequestro di 14 società e beni per un valore complessivo di circa 25,5 milioni di euro. Tutti e quattro la scorsa settimana avevano fatto scena muta di fronte di fronte al gip Piergiorgio Ponticelli nel corso dell'interrogatorio di garanzia, scegliendo di avvalersi della facoltà di non rispondere. Adesso arrivano le istanza al tribunale del Riesame. Ai giudici fiorentini per la revoca degli arresti domiciliari, a quelli aretini per chiedere il dissequestro dei 25 milioni di beni sequestrati.  Ai giudici fiorentini per recuperare la libertà perduta, a quelli aretini per chiedere il dissequestro dei 25 milioni di beni cui sono stati posti i sigilli con l’ordinanza del Gip Piergiorgio Ponticelli.