Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

"Fredy, Fredy..." In 2.000 a Monte San Savino per la fiaccolata "Fredy, Fredy..." In 2.000 a Monte San Savino per la fiaccolata

Alla fine in tutto duemila i presenti a Monte San Savino (Ar), per la fiaccolata in segno di solidarietà a Fredy Pacini, l'imprenditore savinese che ha ucciso un malvivente moldavo che si era introdotto nella sua officina con un complice.

Un serpentone di fiaccole che arrivava da una porta all'altra del paese della Valdichiana e di fronte alla residenza della famiglia Pacini, che aveva le persiane chiuse, un lungo applauso.

Fredy Pacini di fronte al magistrato si è avvalso della facoltà di non rispondere. Gli inquirenti sono riusciti a risalire alla vera identità del malvivente ucciso. Era un latitante colpito da ordine di carcerazione della procura di Milano.

Per sostenere le spese legali sono stati raccolti e donati alla famiglia Pacini oltre 4mila euro.

La manifestazione si è conclusa di fronte al Cassero.

Presente, assieme ai sindaci della Valdichiana e del comune di Arezzo, anche Alessandra Cheli uno dei legali di Fredy Pacini.