Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Efficienza energetica, gli studenti danno il voto alla loro scuola Efficienza energetica, gli studenti danno il voto alla loro scuola Efficienza energetica, gli studenti danno il voto alla loro scuola

Hanno svolto un'indagine sull’efficientamento energetico negli immobili delle scuole Galilei e Redi di Arezzo. Questo l’obiettivo del team di studenti che ha partecipato al progetto: apprendere e valutare lo stato dei loro istituti, evidenziando i punti critici e quelli di forza. Si sono poi divisi in cinque gruppi che hanno lavorato agli aspetti legati alla comunicazione: redazione TV, ufficio stampa, gruppo tecnico, gruppo video e infine social. Il gruppo tecnico ha rielaborato le schede di analisi e le indagini effettuate con la termocamera nelle strutture scolastiche, per valutare le eventuali dispersioni di energia e per proporre delle soluzioni efficaci coinvolgendo e sensibilizzando anche le famiglie e gli altri studenti delle scuole. I ragazzi del gruppo ufficio stampa hanno riassunto il lavoro svolto e, insieme a quelli che si sono occupati di social media e video, si sono impegnati a sollecitare ed informare l’opinione pubblica sui problemi ambientali. I risultati del progetto “Energie senza frontiere”, svoltosi all'interno della campagna “Energicamente 2018”, promosso da Estra e Legambiente, sono stati presentati stamani presso l’Aula Magna dell’Itis G. Galilei di Arezzo. Il progetto ha visto la collaborazione di Provincia di Arezzo, Itis Galilei, Liceo Scientifico Francesco Redi e Liceo Classico Francesco Petrarca. “Energie senza frontiere” rientra nella cornice delle attività di alternanza scuola lavoro in cui Estra è impegnata. Nell’ultimo anno e mezzo, 42 studenti hanno effettuato tirocini nelle società del gruppo, e dal 2013 la Società promuove, con successo, progetti KA1 del programma europeo Erasmus + attraverso i quali ha permesso a 428 studenti, provenienti da scuole professionali di tutta Italia, di svolgere tirocini lavorativi all’estero presso aziende del settore energetico. Il Dirigente scolastico del Galilei, Alessandro Artini, ha ricordato stamani che ben 970 studenti della sua scuola sono stati coinvolti in progetti di alternanza scuola - lavoro "con un grado di soddisfazione - anche delle famiglie - molto elevato. L'alternanza è un bagno di realtà e la conoscenza delle imprese vale indipendentemente dal tipo di scuola". Il Dirigente dell'Ufficio scolastico provinciale, Roberto Curtolo, ha evidenziato l'importanza delle "competenze trasversali" sottolineando come "l'alternanza sia il primo passo verso il saper fare e l'imparare facendo".Alessandra Capizzi di Legambiente  ha sottolineato "il valore formativo di questo progetto, per la sua capacità di sensibilizzare gli studenti sui temi più attuali della sostenibilità ambientale, per il ruolo di orientamento professionale che ha svolto avvicinandoli a esperienze locali concrete di green economy, per il coinvolgimento attivo dei giovani provenienti da scuole diverse nella costruzione del progetto comunicativo complessivo e per la possibilità di mettere in gioco le proprie competenze e conoscenze multidisciplinari e di operare per due settimane in un contesto lavorativo particolare, quello di una associazione ambientalista".Infine il commento del Presidente di Estra, Francesco Macrì: "i nostri obiettivi sono chiari Puntiamo a sviluppare non solo una moderna sensibilità ma anche una nuova e diffusa cultura sull'energia. E non potevamo non iniziare dagli studenti e dalle scuole, cioè dagli immobili dove i ragazzi e gli insegnanti si ritrovano ogni giorno. Comprendere quanto sia efficiente dal punto di vista energetico la propria scuola è il primo passo da fare per capire, poi, la propria abitazione e la propria città. Da qui passa un concreto percorso per creare nuove professionalità al servizio dell'ambiente e delle comunità locali. Estra e Legambiente hanno inventato EnergicaMente. La nostra azione ha consentito i tirocini all'estero. In sintesi: non ci limitiamo ad essere una multiutility e cioè un soggetto imprenditoriale ma vogliamo anche essere tra i protagonisti di una nuova stagione culturale e ambientale per il nostro paese".