Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Investito da un camion di Sei Toscana. Così è morto Giancarlo Andreoni, 56 anni, in un incidente sul lavoro avvenuto nel pomeriggio a Camucia. L'uomo da poco tempo aveva iniziato l'attività di operatore ecologico per una cooperativa che aveva avuto in appalto da Sei i servizi di raccolta. La tragedia si è consumata nella zona del cosiddetto compattatore di Camucia, dove i camion scaricano i rifiuti raccolti. Il mezzo pesante di Sei Toscana lo ha travolto in retromarcia mentre si trovava a piedi insieme ad un altro collega. Giancarlo Andreoni risiedeva ad Arezzo, lascia la moglie e due figli. Era molto conosciuto in città anche perché era un volontario della Croce Bianca: si occupava di accompagnare le persone ad eseguire dei trattamenti sanitari o delle visite. Il camion è stato posto sotto sequestro mentre la salma trasferita all'ospedale della Fratta a disposizione per gli accertamenti che vorrà disporre la Procura.

(nella foto dal sito di Sei Toscana l'area del compattatore di Camucia)

L'area del compattatore in una foto di Sei Toscana