Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

"Grillo sdogana il bullismo verso gli autistici": lettera aperta alla senatrice Gagnarli "Grillo sdogana il bullismo verso gli autistici": lettera aperta alla senatrice Gagnarli

Lettera aperta del presidente di Centro Autismo Arezzo a Chiara Gagnarli, senatrice del Movimento 5 stelle: " Mi permetto di scriverle questa lettera aperta per due motivi: il primo è per il rapporto di conoscenza e amicizia che ci lega, e che spero sia reciproco, il secondo in quanto rappresentante della nostra provincia alla Camera dei Deputati eletta nelle file di quello che, ad oggi, è il maggior movimento politico italiano e che esprime anche il Governo del Paese. In questo caso scrivo nella mia veste di presidente dell’Associazione Autismo Arezzo che dal 2015 rappresenta centinaia di famiglie e persone con autismo della provincia di Arezzo e soprattutto come genitore di Benedetta, bambina autistica bellissima e splendida e piena di talenti, ma potrei parlare anche per Lorenzo, Domenico, Aurora, Federico, Maurizio e decine di altre persone con autismo che non possono rivolgersi direttamente a Lei. Immagino che comprenda il motivo di questa mia scelta di comunicazione inusuale, ma le parole pronunciate da Beppe Grillo domenica 21 ottobre, che probabilmente Lei ha anche ascoltato in diretta al Circo Massimo a Roma, hanno ferito profondamente tutti noi e tante persone fragili e le loro famiglie. In una manciata di minuti sono stati azzerati anni di dure battaglie contro lo stigma sociale. Le scrivo pubblicamente perché voglio, ripeto voglio, dar voce ai tanti che si sono indignati, offesi e sbalorditi e che hanno paura di esternare questi sentimenti apertamente per non farsi nemici nel potere che conta oggi. Io, anzi, noi di Autismo Arezzo non abbiamo nulla da temere anche perché facciamo parte di quei “malati” citati nell’orazione da Beppe Grillo. Credo che chi ha un ruolo pubblico debba avere ancora più responsabilità ed attenzione nell’uso delle parole. Il Vostro movimento ha fatto della parola onestà il proprio cavallo di battaglia; ma l’onestà non è solo pagare le tasse e rispettare le leggi, esiste anche l’onestà intellettuale ed il rispetto delle persone. L’onestà di non denigrare ciò che non si conosce. Prendersi gioco di una persona fragile come un autistico è una cosa veramente incredibile, oltre che disonesta. Tutta l’esistenza di una famiglia di una persona con autismo è spesa a combattere l’isolamento, a far vedere i talenti dei propri figli, ad uscire dalla discriminazione, e poi una domenica autunnale un ex comico di non molto successo, assurto a leader politico, sapendo di essere in diretta televisiva per suscitare ilarità e recuperare consensi, sdogana gratuitamente il bullismo verso gli autistici".