Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Arezzo, spacciavano cocaina ed eroina. Preso l'ultimo nigeriano Arezzo, spacciavano cocaina ed eroina. Preso l'ultimo nigeriano Arezzo, spacciavano cocaina ed eroina. Preso l'ultimo nigeriano

Era sfuggito al blitz degli 80 uomini dell'arma dei carabinieri, ma è stato catturato nella tarda serata di lunedì l’ultimo nigeriano che faceva parte dell'organizzazione criminale dedita allo spaccio di cocaina ed eroina nelle piazze aretine. 

E.F. trentenne di nazionalità nigeriana, richiedente asilo, è stato fermato e trasportato nel carcere di Arezzo. Si chiude così l’operazione “Nigerian connection” che ha portato all'arresto di 9 nigeriani arrestati dai militari del Nucleo Investigativo dei carabinieri che hanno condotto le indagini. Uno degli arrestati era stato fermato in flagranza di reato e trovato in possesso di trenta grammi tra eroina i cocaina suddivisa in dosi e pronta per essere spacciata. Definiti anche i ruoli di ciascun componente della banda. Alcuni erano dei semplici pusher, cedevano la sostanza e riscuotevano. I clienti principalmente professionisti e giovani. Altri erano incaricati di tenere i contatti telefonici, di organizzare gli appuntamenti per ricevere gli ordinativi, altri ancora ricoprivano entrambi i ruoli occupandosi anche dell’attività di coordinamento dello spaccio al minuto. Un'attività che aveva dunque una vera e propria struttura piramidale ricostruita dalle indagini dei Carabinieri partite dalla maxi rissa dello scorso agosto. Il materiale e le sostanze per il “taglio” dello stupefacente venivano acquistate on-line.