Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Martina Rossi, in aula i testi della difesa: parla l'ex fidanzatino Martina Rossi, in aula i testi della difesa: parla l'ex fidanzatino Martina Rossi, in aula i testi della difesa: parla l'ex fidanzatino

Telefonate, alcuni giorni anche decine e poi continui tentativi morbosi di avvicinamento, anche all'università, al punto che era stato necessario rendersi irreperibile per un lungo periodo, cambiando addirittura numero di telefono ed alloggio. Questo il racconto dell'ex fidanzatino di Martina Rossi, la giovane studentessa ligure precipitata nell'agosto 2011 dal sesto piano di un hotel alle Baleari, per l'accusa cercando di sfuggire ad un tentativo di stupro, un gesto volontario invece secondo i due imputati, Luca ed Alessandro, due giovani di Castiglion Fibocchi, accusati di morte in conseguenza ad un altro reato. Il fidanzatino di Martina, oggi 30enne, è stato chiamato a deporre dalla difesa di Luca, rappresentata in aula dall'avvocato Stefano Buricchi,che ha citato in tutto 25 testimoni. Tra i primi a prendere parola è stato appunto l'ex fidanzatino di Martina, oggi trentenne, con il quale la studentessa aveva vissuto una breve storia d'amore per lei particolarmente difficile da dimenticare. Il giovane ha parlato di un periodo difficile per entrambi, di due anni di ansie, iniziati dopo la fine della relazione e conclusosi solamente nel 2009. Anni in cui a tratti si è sentito sotto assedio, per le eccessive attenzioni che Martina gli avrebbe riservato.