Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Dall'ictus ai colori, la piccola Clara Woods incanta Stia Dall'ictus ai colori, la piccola Clara Woods incanta Stia Dall'ictus ai colori, la piccola Clara Woods incanta Stia

12 anni, capelli biondi, occhi che parlano e un sorriso che conquista. Clara Woods, piccola pittrice che ha già alle sue spalle 4 personali, arriva con una mostra al Palagio Fiorentino di Stia. Nel titolo dall'Ictus ai colori c'è la storia di una vita, che poteva essere molto diversa e che sicuramente avrà delle salite ma che grazie alla forza di volontà e ad una musa ispiratrice, Frida Kahlo, è diventata molto altro. La prima mostra in un bar e adesso Clara sta per esporre le sue opere in Giappone ed a Miami. Tra i soggetti preferiti la sua famiglia, il fratellino Davi ci mostra orgoglioso un dipinto che rigorosamente non è in vendita.  Un'esplosione di colori vivaci che si uniscono per rappresentare quello che le sta più a cuore: la mamma, il fratellino Davi, 6 anni, papà Carlo, la sua casa, il gatto, il pesce rosso... ma anche Frida Kahlo, la sua artista del cuore. Clara Woods, di Calenzano, provincia di Firenze, a 12 anni è già una piccola artista con ben quattro mostre al suo attivo e due in programma all’estero. Malgrado la sua disabilità, è una bambina bellissima, dai lunghi capelli biondi: «Ogni volta che i medici la vedono, si stupiscono – confida mamma Betina –. Stando agli esiti della sua patologia, dovrebbe avere un aspetto diverso, con i lineamenti del viso contratti. Invece il suo sorriso è una gioia».