Al via ad Arezzo l’edizione 2018 dei Campionati Italiani di Salto ad Ostacoli

Al via oggi, giovedì 12 aprile, sui campi dell’Arezzo Equestrian Centre l’edizione 2018 dei Campionati Italiani di salto ostacoli. L’evento di interesse federale vedrà per tutto il fine settimana molti dei più forti binomi del momento a caccia di una medaglia. Sarà un week-end da seguire con grande attenzione visto che dal podio degli Assoluti scaturiranno i nomi dei primi tre azzurri che otterranno il pass per lo CSIO di Roma Piazza di Siena (24/27 maggio). I Campionati Italiani Assoluti, che si svolgeranno sul funzionale campo in sabbia Dante, prevedono una formula “corta” su due giornate (venerdì 13 e sabato 14 aprile), più adeguata ad una stagione densa di appuntamenti internazionali importanti.

Affiancati al Campionato Assoluto, dalla cui classifica sarà determinato anche il podio del Campionato Italiano individuale Interforze, anche Campionato e Criterium Ambassador, Campionati, Criterium e Trofeo Amazzoni e Criterium e Trofei Seniores. Il programma del fine settimana ad Arezzo prevede anche il Campionato Interforze a squadre. A disegnare i tracciati di gara sarà lo chef de piste Uliano Vezzani, affiancato da Fabrizio Sonzogni.

C’è grande attesa per il Campionato maggiore che vede alla partenza nomi molto noti del panorama equestre italiano. A partire dalla medaglia d’oro uscente Juan Carlos Garcia (con due titoli all’attivo 2004 e 2017) che si presenta in campo in sella a Adlerfaenger. Alla partenza ad Arezzo, tra gli altri, ci saranno anche Massimiliano Ferrario su Rigoletto della Floridia, Natale Chiaudani su Almero 12 (medaglia d’oro proprio ad Arezzo nel 2012), Gianni Govoni su Suzie II, Luca Maria Moneta su Ambramarie del Beiro, l’aviere capo Luca Marziani su Estee Vb, il 1° aviere scelto Emilio Bicocchi su Call Me (vincitore di tre titoli nel 2005, 2009 e 2016), l’assistente capo delle Fiamme Oro David Sbardella su Triomphe Van Schuttershof (binomio campione italiano 2014). Accanto a loro anche Roberto Arioldi, quest’anno in sella a Dundee vh Marienshof. Arioldi, considerato un vero e proprio recordman dell’evento con le sue sei vittorie, di cui ben quattro consecutive (1987, 1999, 2000, 2001, 2002, 2010), è l’unico cavaliere italiano ad essere riuscito ad eguagliare il numero di successi ottenuti dal grande Graziano Mancinelli, anche lui vincitore di sei titoli italiani (1967, 1972, 1974, 1976, 1977, 1981).




Questo sito web utilizza cookie con sole finalità tecniche, il cookie di profilazione di Google Analytics viene utilizzato in modalità strettamente anonima.
Cliccando su OK, l’utente accetta l’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie e privacy completa.