L'Arezzo cade con l'Alessandria. Ipotesi Lucchesi: "al momento niente di concreto" VIDEO

Come già accaduto con Piacenza, Pistoiese e Lucchese l'Arezzo crea diverse occasioni anche con l'Alessandria ma sono i grigi a sbancare il Comunale per 2-0: Barlocco nel primo tempo e Fischnaller nella ripresa. Una partita caratterizzata dai pali, clamorosi quelli di Moscardelli e Cutolo sullo 0-1. Mentre l'Arezzo scivola sempre più verso i play-out con una penalizzazione ancora da arrivare, quello che preoccupa di più è quanto avviene fuori dal campo. Allo stadio assente Matteoni bloccato dalla febbre, il clima di sfiducia su quello che accadrà in settimana con la scadenza del 16 cresce sempre di più. Nel frattempo prende quota lo scenario di una possibile cessione dell'Arezzo ad altri imprenditori: gira il nome di Fabrizio Lucchesi come possibile artefice di questa operazione della quale farebbe parte anche un imprenditore orafo aretino. Lucchesi, ex direttore generale del Pisa, era stato di recente accostato anche al Vicenza. "Mi fa piacere che il mio nome venga accostato all'Arezzo - ci ha detto Lucchesi al telefono - ma è una notizia priva di fondamento. Ogni giorno mi accostano a qualche squadra diversa. Conosco Matteoni ma il fatto di parlarci non significa nulla al momento. Diciamo che forse qualcosa accadrà".  Una situazione quella amaranto di grande incertezza di cui inevitabilmente risente la squadra.





Questo sito web utilizza cookie con sole finalità tecniche, il cookie di profilazione di Google Analytics viene utilizzato in modalità strettamente anonima.
Cliccando su OK, l’utente accetta l’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie e privacy completa.