L’Arezzo parlerà ancora romano: cessione al consorzio Neos Solution I PRIMI NOMI

Finisce l’era Ferretti ma non quella che lega l’Arezzo a Roma. Un consorzio di imprese romane ha infatti firmato il preliminare per l'acquisto del 99% dell'U.s. Arezzo. Si tratta della Neos Solution Società Consortile a Responsabilità Limitata con sede a Roma, costituitasi nel giugno 2016. Un consorzio che si occupa, a leggere la visura camerale, di numerose e disparate attività: facility management, pulizie, mense, raccolta differenziata, trasporto, gestione merci, gestione servizi cimiteriali, centri di assistenza, lavori edili, logistica, cablaggi e molto altro. Amministratrice delegata del consorzio è Alessandra Comparelli, le imprese che ne fanno parte sono: Better Service srl che ne detiene l'1%, L-Bird Services (9%), Comparelli Engineering (45%, si occupa di installazione di impianti elettrici), Europay Services (45%). Quest'ultima, il cui amministratore unico è Paolo Gatto, si occupa di elaborazione dati, gestione software, formazione, lavoro. L'operazione sarebbe stata realizzata con la mediazione di Franco Zavaglia. Un importante imprenditore romano ci ha detto che si tratta di nomi seri e solidi. Il rogito dell'operazione è previsto lunedì prossimo.

IL COMUNICATO UFFICIALE:


La PROGRAMMA MUTUO S.R.L., attualmente proprietaria del 99% dell’ Unione Sportiva Arezzo, e NEOS SOLUTION SOC. CONSORTILE R.L. hanno sottoscritto un accordo preliminare per la cessione delle quote di maggioranza del club, espletando già tutte le fasi economiche e finanziarie atte al proseguimento e alla programmazione del club, già nell’immediato futuro.
I dettagli dell’operazione saranno comunicati nei prossimi giorni nel corso di un’apposita conferenza stampa alla quale parteciperà la nuova proprietà.

LA SODDISFAZIONE DI GHINELLI:

“Esprimo la mia soddisfazione per la conclusione positiva della cessione del pacchetto di maggioranza dell’US Arezzo. Non è stato un percorso facile, anche per i parametri economici particolarmente impegnativi. Aspettiamo di conoscere gli imprenditori che hanno deciso di fare questo investimento: mi auguro che abbiano tra i loro obiettivi non solo quello di salvare la squadra, ma anche quello di farla crescere, consolidando ad esempio il settore giovanile, linfa vitale per un futuro di maggiori successi e prospettive, e valorizzando gli sforzi che il Comune ha fatto a favore della società con la concessione del centro sportivo delle Caselle. Desidero anche ringraziare quegli imprenditori, alcuni dei quali aretini, che avevano dato la loro disponibilità a valutare l’acquisizione della società. Con loro il discorso rimane comunque aperto”. Così il Sindaco Alessandro Ghinelli ha commentato la felice conclusione della vicenda Arezzo Calcio, che il Primo Cittadino ha seguito con estremo interesse ed impegno, consapevole dell’importanza che riveste la squadra per la Città.​




Questo sito web utilizza cookie con sole finalità tecniche, il cookie di profilazione di Google Analytics viene utilizzato in modalità strettamente anonima.
Cliccando su OK, l’utente accetta l’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie e privacy completa.