Salute come diritto, non una merce: incontro al Circolo Aurora

Un incontro con i cittadini promosso da Sinistra Italiana e Possibile per parlare dello stato del servizio sanitario: Lunedì 13 novembre, alle ore 17,30, presso il Circolo Aurora in piazza S. Agostino.

“La salute un diritto, non una merce” è il titolo dell’incontro cui parteciperanno la Senatrice Alessia Petraglia, il Consigliere regionale Paolo Sarti, l’operatore sanitario Piero Caramello e il consigliere comunale di Bibbiena Piero Pennisi. Seguirà dibattito nel corso del quale sono previsti interventi di Cesare Bondioli presidente del Centro Basaglia e Alessandro Mugnai segretario CGIL.

E’ in corso una forte spinta alla privatizzazione del servizio sanitario, attraverso una progressiva riduzione di risorse per la struttura pubblica e l’incentivazione al ricorso a servizi privati tramite mutue integrative e assicurazioni. Le conseguenze per i cittadini sono pesanti: costi crescenti per le prestazioni, liste di attesa lunghissime, carenza di servizi nelle zone più periferiche, difficoltà a soddisfare il bisogno di assistenza territoriale, domiciliare e riabilitativa. E’ noto quanto rilevato dal rapporto Censis: nello scorso anno 12 milioni di italiani hanno rinunciato a curarsi.

Anche in Toscana, dopo la costituzione delle ASL di area vasta e l’accorpamento dei Distretti che hanno portato le decisioni sull’organizzazione dei servizi sempre più lontane dai problemi e dalle aspettative dei territori, con le cosiddette “sperimentazioni gestionali” ci si sta avviando a consegnare pezzi di sanità al privato.

In questo modo, contraddicendo la Costituzione, cresceranno le già profonde diseguaglianze tra i cittadini nella possibilità di tutelare la propria salute.

La Sinistra si oppone a tutto ciò, ha proposte alternative: rifinanziare il servizio sanitario pubblico, abolire progressivamente i tickets, investire per la prevenzione, l'assistenza domiciliare e territoriale soprattutto ad alta integrazione sociale (anziani, salute mentale, disabilità), potenziare e riorganizzare i servizi nei territori, intervenire decisamente sulle liste di attesa, rafforzare i Distretti.

Di questo sarà discusso nell’incontro; è necessario che si torni a un metodo di programmazione complessiva e partecipata dei servizi e delle politiche per la salute coinvolgendo, in ogni zona, i Consigli Comunali, le organizzazioni della società civile (sindacato, associazioni, comitati), operatori e cittadini.

Il bene salute e il mantenimento del Servizio pubblico lo richiedono.




Questo sito web utilizza cookie con sole finalità tecniche, il cookie di profilazione di Google Analytics viene utilizzato in modalità strettamente anonima.
Cliccando su OK, l’utente accetta l’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie e privacy completa.