Risorse per i migranti, Popolari: "occorrono chiarezza e un atto indirizzo"

Un apposito atto di indirizzo per destinare con chiarezza e trasparenza i 500 euro previsti dal Governo per ogni migrante accolto. A richiederlo sono i Popolari per Arezzo che, in riferimento allo stanziamento di risorse a favore dell'accoglienza, esprimono dubbi riguardo alla loro effettiva destinazione e al loro impiego da parte delle amministrazioni locali. Il provvedimento governativo trae origine dall'enorme difficoltà nel sistema di accoglienza e dalla generale necessità da parte dei Comuni di reperire risorse, ma ad emergere sono soprattutto due criticità. La prima fa riferimento proprio alla motivazione dei fondi, dal momento che le risorse arrivano in relazione al numero dei migranti e non tengono conto di parametri quali le difficoltà socio-economiche di un territorio. «I cittadini hanno già forti dubbi legati alla trasparenza del sistema di accoglienza - commenta Massimo Soletti dei Popolari per Arezzo, - dunque questo provvedimento non migliora le cose ma, anzi, crea un pericoloso parallelismo: più migranti significa più entrate o guadagni. In cambio di accoglienza, infatti, vengono offerte facili risorse di cui i Comuni hanno bisogno senza tener conto delle loro diversificate esigenze, della loro identità e delle loro politiche; una sorta di "elemosina", dunque, che sembra voler mettere tutti d'accordo su un tema molto delicato. Le amministrazioni, anche in tema di migranti, devono essere libere di esprimere quanto di nuovo potrebbe emergere o accadere in un territorio senza che l'opportunità e la convenienza di maggiori risorse possa prevalere sul ruolo rappresentativo verso i cittadini».
La seconda criticità riscontrata riguarda il mancato vincolo d'impiego delle risorse che, pur avendo una finalità straordinaria, risultano libere e dunque potrebbero essere potenzialmente utilizzate per qualunque attività ordinaria. Le singole amministrazione dovranno mostrare affidabilità, responsabilità, trasparenza e coerenza nell'impiegare tale stanziamento. I Popolari per Arezzo ritengono che in città questi fondi dovranno essere indirizzati verso ambiti ben precisi quali la sicurezza, le politiche d'integrazione e le politiche sociali, con una destinazione d'uso che potrebbe essere ufficializzata dal consiglio comunale attraverso un apposito atto d'indirizzo. «I Comuni - aggiunge Soletti, - meritano maggiori risorse dal Governo in via ordinaria, senza bisogno di trasformarli in nuovi destinatari di un corrispettivo per la questione dei migranti».




Questo sito web utilizza cookie con sole finalità tecniche, il cookie di profilazione di Google Analytics viene utilizzato in modalità strettamente anonima.
Cliccando su OK, l’utente accetta l’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie e privacy completa.