Agriturismo, Coldiretti Arezzo "il bilancio della stagione"

Aumentano dell’8% le presenze in agriturismo nel 2017 con l’Italia che è leader mondiale. E’ quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che per l’agriturismo in Italia si contano 22.661 aziende agricole autorizzate con 12,1 milioni di presenze nel 2016.
“Se la capacità di mantenere inalterate le tradizioni enogastronomiche è la qualità più apprezzata nel tempo, l’agriturismo Made in Italy è cresciuto con – sottolinea il Presidente di Coldiretti Toscana e Arezzo Tulio Marcelli – servizi innovativi per sportivi, nostalgici, curiosi e ambientalisti, come l’equitazione, il tiro con l’arco, il trekking o attività culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici, ma anche corsi di cucina e wellness che attirano sempre più visitatori spinti a scegliere queste strutture per le loro mete di viaggio”.
Tra le motivazioni che spingono alla scelta degli agriturismi anche la ricerca di tranquillità per le paure dopo i recenti episodi internazionali di attacchi terroristici che condizionano la scelta delle vacanze di molti che hanno preferito l’Italia ad altre mete considerate meno sicure.
“La stagione è andata molto bene – spiega Giada Poggini dell’Agriturismo Le Ceregne di Pieve Santo Stefano - e si conferma il trend positivo degli ultimi tre anni con un aumento continuo e costante delle presenze. Il nostro successo è legato ai servizi che offriamo sempre più completi e alle attività che proponiamo oltre che alla ristorazione, spesso infatti il turista che ha visitato il nostro territorio per l’intera giornata, ama rilassarsi gustando una cena con i prodotti a km zero che gli proponiamo presso la struttura in totale relax.
Il 90% dei nostri clienti è straniero e proviene per la maggior parte dal nord Europa e dall’America, gli italiani ci scelgono per le attività come il tiro con l’arco e le passeggiate all’area aperta”.
L’Italia è l’unico Paese al mondo che alla bellezza del paesaggio può aggiungere 292 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario, ma ha conquistato anche il primato green con quasi 60mila aziende agricole biologiche in Europa.
In provincia di Arezzo ci sono anche alcune strutture che hanno lavorato meno bene nell’ultima stagione estiva come spiega Michela Lapini dell’Agriturismo Ca de Frati situato ad Arezzo “Quest’anno abbiamo avuto un calo delle presenze, soprattutto di quelle italiane – chiarisce Michela Lapini – la vacanza dei nostri connazionali è cambiata, è diventata mordi e fuggi e abbiamo avuto, soprattutto ad inizio stagione, molte cancellazioni dovute al grande caldo annunciato dai media e che poi ha colpito anche la nostra città. C’è da aggiungere poi che spesso alla parola agriturismo, si associa la parola rurale, una gestione familiare ed il contatto con la natura, noi invece – conclude Lapini - abbiamo provato a differenziarci, alzando il nostro target e creando una residenza di charm, lavorando in questo modo solo con un determinato tipo di clientela”.
“Sono circa 540 gli agriturismi certificati in Provincia di Arezzo per un totale di quasi 8.000 posti letto, vale a dire il 12,5% del totale regionale, il territorio aretino si conferma quarta provincia della Toscana e tra le prime dieci in Italia per presenza di agriturismi – spiega il Direttore di Coldiretti Arezzo Mario Rossi – di questi buona parte aderisce all’Associazione Terranostra che segue per Coldiretti tutte le specifiche del settore agrituristico e la rete delle fattorie didattiche collegate alla nostra associazione è in forte crescita” – precisa il Direttore Rossi – e il dato nazionale delle presenze, si riflette positivamente anche sul territorio provinciale dove gli imprenditori hanno lavorato bene, specialmente quelle aziende che si differenziano ed offrono un pacchetto ai clienti sempre più variegato”.
L'agriturismo rappresenta il punto di raccordo tra qualità della produzione agroalimentare e la valorizzazione dei territori di origine alla base del quale risiede un nuovo protagonismo delle aziende fatto di innovazione, servizi e distintività.




Questo sito web utilizza cookie con sole finalità tecniche, il cookie di profilazione di Google Analytics viene utilizzato in modalità strettamente anonima.
Cliccando su OK, l’utente accetta l’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie e privacy completa.