Trovato senza vita in cantina: fermato pusher presunto responsabile della morte

Potrebbe essere stata una dose di cocaina la causa della morte di un 18enne rinvenuto il 6 ottobre scorso nella cantina di casa. Elias Ghouiza è il nome del giovane deceduto, sul quale la Procura di Arezzo ha aperto un fasciolo. Nel cellulare del morto sono stati trovati dei contatti sui quali sono partite le intercettazioni dei carabinieri della compagnia di Sansepolcro. Un 21enne albanese, F.R. le iniziali, senza fissa dimora, è stato posto sotto fermo per spaccio e morte o lesioni come conseguenza di altro delitto. Su di lui sarebbero state raccolte delle prove sulle cessione della dose letale. Il giovane è risultato un pusher di lunga data a Umbertide, per questo è stato anche arrestato: con sé aveva anche due dosi di cocaina e 800 euro. Al momento il fermato è nel carcere di Perugia, e si dovrà procedere alla convalida del fermo di polizia giudiziaria. L'autopsia sulla salma del giovane potrà spiegare tutti i dubbi avanzati dai militari.




Questo sito web utilizza cookie con sole finalità tecniche, il cookie di profilazione di Google Analytics viene utilizzato in modalità strettamente anonima.
Cliccando su OK, l’utente accetta l’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie e privacy completa.