Rianimazione e medicina d'urgenza, due nuovi medici per l'ospedale della Gruccia

Un nuovo direttore per l’Anestesia/Rianimazione e uno per la Medicina di accettazione/Urgenza. L’ospedale del Valdarno si rafforza e “arruola” Emilio Guerra e Simone Nocentini. I due professionisti hanno incontrato la stampa questa mattina alla presenza del direttore dell’ospedale, Daniela Matarrese, del direttore del Dipartimento di Emergenza Urgenza, Massimo Mandò, di quello della Rianimazione Marco Feri e del presidente della conferenza dei sindaci Sergio Chienni.

"Il nostro ospedale – ha dichiarato Matarrese - continua nella creazione della squadra dei suoi professionisti. Il messaggio che vogliamo dare oggi, come Azienda, è che stiamo lavorando per ricoprire le posizioni apicali che si erano rese vacanti, affidando questi incarichi a due specialisti di riconosciuta capacità professionale: Simone Nocentini, facente funzioni Direttore U.O.C. Medicina e Chirurgia d'Accettazione e d'Urgenza, che a lungo ha lavorato sul nostro territorio, ed Emilio Guerra, Direttore U.O.S.D. Anestesia e Rianimazione, proveniente dall'ospedale di Cortona, stimato professionista con riconosciute capacità umane e relazionali".

"Subentro nella gestione del Pronto Soccorso e della Medicina d'Urgenza del Valdarno in un periodo particolarmente "caldo" – ha commentato Simone Nocentini - in quanto è ormai noto come la stagione invernale impatti in maniera significativa sull'attività del Pronto Soccorso e della Medicina d'Urgenza, sia come numero di accessi che come numero di ricoveri ospedalieri. Abbiamo già approntato un piano aziendale e specificatamente di Presidio ospedaliero Valdarno per la gestione del sovraffollamento in Pronto soccorso, e conseguentemente in tutto l'ospedale, in linea con le indicazioni regionali. Siamo inoltre in un momento di profonda riorganizzazione dei percorsi, con l'intenzione di gestire sempre meglio, sia in termini di accoglienza che di approccio clinico, il paziente che si presenta alla porta dell'ospedale. Il tutto in piena sinergia con il 118 e con i medici di famiglia. Il lavoro è tanto, ma insieme a tutto il personale sapremo affrontare la situazione nel migliore dei modi".

"E' da pochi giorni che dirigo il servizio di anestesia e rianimazione del Valdarno - ha proseguito Emilio Guerra - Devo dire da subito che la qualità di assistenza sanitaria erogata dal servizio di Anestesia e Rianimazione è buona, frutto sia della preparazione del personale medico ed infermieristico che dell'impegno profuso nel percorso di diagnosi e cura del paziente.
Dopo aver verificato quali erano le caratteristiche che rendono il servizio efficiente come l'organizzazione delle sale operatorie, gli ambulatori di terapia antalgica e preospedalizzazione, la gestione della Rianimazione, ho valutato anche la possibilità di aggiungere altri elementi, per alzare ulteriormente la qualità del servizio. Si sta già attuando, in collaborazione con la sala operatoria, lo sviluppo di nuove tecniche di anestesia loco regionali ecoguidate. Verrà avviato il percorso formativo per la creazione del servizio di parto analgesia; saranno potenziate le tecniche di monitoraggio in sala operatoria e rianimazione”.

“Il primo tassello per costruire un ospedale che risponda ai bisogni del nostro territorio – ha detto Chienni – è sicuramente quello del potenziamento del personale. L’arrivo di Guerra e Nocentini va in questa direzione. Ci tengo a ringraziare Daniela Matarrese, che sta affrontando le criticità esistenti all’interno dell’ospedale fornendo, nel corso del tempo, risposte concrete. Ovviamente ci sono ancora passi da fare, ma la strada intrapresa è quella giusta”.




Questo sito web utilizza cookie con sole finalità tecniche, il cookie di profilazione di Google Analytics viene utilizzato in modalità strettamente anonima.
Cliccando su OK, l’utente accetta l’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie e privacy completa.