Via Malpighi, comune di Arezzo stanzia 400.000 euro per la rimozione del tetto in amianto

Il vicesindaco Gianfrancesco Gamurrini ha illustrato le variazioni al programma triennale delle opere pubbliche 2017/2019 partendo dagli interventi confermati per i quali è stata prevista solo la modifica delle fonti di finanziamento. Si tratta del restauro di porta Trento Trieste, dell’adeguamento normativo del palazzetto di San Lorentino, il cosiddetto Orto Creativo che si trascina dietro la ristrutturazione dell’ex mercato ortofrutticolo, la nuova sede della polizia municipale, l’adeguamento alla normativa antincendio della biblioteca, il primo lotto della riqualificazione di piazza della Repubblica.

“Il piano risponde inoltre a nuove priorità – ha sottolineato Gamurrini – ecco dunque l’inclusione di lavori non previsti nelle precedenti versioni: su tutti cito, per l'importanza che assumono sotto l'aspetto sociale, ambientale e di tutela della salute pubblica e del territorio, il risanamento dall’amianto degli immobili di Arezzo Casa per una spesa di 400.000 euro, il riassetto idraulico di viale Santa Margherita per 200.000 euro e gli interventi per limitare il rischio idraulico ad Antria per 170.000 euro. Aggiungo: il restauro delle mura di Santa Maria delle Grazie per 160.000 euro, interventi straordinari negli edifici comunali per l’adeguamento dei luoghi di lavoro per un totale di 200.000 euro articolati in due annualità, gli impianti di riscaldamento alla scuola elementare di Pescaiola per 120.000 euro, alla scuola media di Rigutino per 100.000 euro e alla scuola media Vasari per 140.000 euro, due progetti di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro, entrambi per una spesa di 313.000 euro. A proposito di scuole, aggiungo che aumentano le risorse per gli interventi di manutenzione straordinaria nelle materne, elementari e medie. Ancora più risorse per gli interventi straordinari sugli impianti sortivi, per la manutenzione del verde pubblico, per la manutenzione straordinaria della viabilità a Quarata e di via Benedetto da Maiano. Abbiamo poi un più 78.000 euro per i nidi e un più 100.000 euro per i centri sociali”.

Il piano prevede inoltre la traslazione di alcuni interventi tra una annualità e l’altra a causa del mancato finanziamento, a ora, del bando per le periferie urbane per il quale siamo comunque in attesa di firmare la convenzione con il ministero: il restauro del bastione San Bernardo va al 2019 così come quello del tratto di mura tra porta Stufi e il bastione della Diacciaia e quello della cinta muraria interna al resede elementare della Pio Borri, la scuola materna a Tortaia e la sistemazione dell’area verde di via Fra Guittone. La ristrutturazione del parcheggio Baldaccio va dal 2017 al 2018 così come la ristrutturazione dell’ex asilo di Pescaiola, la riqualificazione del parchi Ducci, Foro Boario, Arno, Pertini, l’adeguamento dell’incrocio in via Fiorentina, i marciapiedi e la videosorveglianza a Saione, il sottopasso di viale Don Minzoni, la tangenziale in via Buonconte da Montefeltro, l’adeguamento dei locali della Fraternita alle nuove destinazioni d’uso, la messa in sicurezza dei solai alla materna Modesta Rossi e alla scuola elementare Masaccio, per entrambe abbiamo comunque provveduto a effettuare interventi per eliminare ogni possibile pericolo, l’adeguamento normativo dell’impianto sportivo Maccagnolo, la sistemazione del castello e del centro storico di Quarata, lo smaltimento delle coperture in amianto ai nidi Peter Pan e Cucciolo.

19 voti favorevoli, 6 contrari, un astenuto.




Questo sito web utilizza cookie con sole finalità tecniche, il cookie di profilazione di Google Analytics viene utilizzato in modalità strettamente anonima.
Cliccando su OK, l’utente accetta l’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni, anche in ordine alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie e privacy completa.