Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Gli abitanti di Battifolle e della Carbonaia, stamane, hanno temuto che ad Arezzo fosse avvenuto qualcosa di grave. Lungo il raccordo che collega la città con l’autostrada c’erano tante pattuglie della Polizia, ma poi tutti hanno tirato un sospiro di sollievo. Infatti, era in atto il dispositivo a reticolo della Polstrada, finalizzato a individuare gli automobilisti poco virtuosi, soprattutto quelli che si distraggono al volante smanettando sul telefonino o guidando senza le cinture. All’operazione hanno partecipato 6 pattuglie della Sezione Polstrada di Arezzo, supportate dalla Polizia Municipale e da personale dell’ANAS, che ha indirizzato con apposita segnaletica i veicoli da controllare verso i poliziotti e dalle parti di Amper, il noto pastore tedesco del Nucleo cinofili di Firenze, divenuto insieme al suo conduttore il terrore degli spacciatori di droga. In tutto sono state identificate 129 persone e controllati 116 veicoli. Le pattuglie hanno contestato 13 infrazioni al codice della strada, pizzicando 3 automobilisti che erano senza cinture e 3 camionisti che stavano guidando da troppo tempo, senza osservare i tempi di riposo necessari a ricaricarsi per mantenersi reattivi. I punti defalcati dalle patenti sono stati 40, con 2 libretti di circolazione ritirati. Questa volta nessuno è stato trovato con il cellulare in mano o con la droga: per la Polstrada è il segnale che i continui controlli stanno dando gli effetti auspicati.