Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Si è spento nella notte all'età di 74 anni, dopo una lunga malattia, GIanfranco Duranti, fondatore e direttore storico dell'emittente Teletruria. Vero e proprio pioniere dell'emittenza locale è stato alla guida della TV locale aretina per oltre 40 anni. Con il suo impegno e la sua professionalità ha attraversato tutti i cambiamenti epocali del mondo televisivo, dalla trasmissione via cavo fino alla rivoluzione del digitale terrestre. Ha guidato Teletruria e tutti i suoi giornalisti e collaboratori, avendo sempre di fronte lo scopo ed il ruolo che deve avere un'emittente locale. Raccontare il proprio territorio di appartenenza e non snaturare mai questa vocazione.
Leale, corretto e schietto anche nel rapporto con la nostra emittente e con la sottoscritta per tante questioni comuni per le quali non ha mai risparmiato consigli sinceri. 
Gianfranco lascia la moglie Elena e il figlio Andrea. 
Alla famiglia ed alla redazione di Teletruria le più sentite condoglianze da parte di Arezzo TV. 
Il Direttore 
Greta Settimelli 



IL MESSAGGIO DI CORDOGLIO DEL SINDACO DI AREZZO 
“Sono profondamente addolorato. Gianfranco era prima di tutto un amico che non mi ha mai fatto mancare i consigli e i suggerimenti per quella che definiva la mia 'passione cromosomica per la politica', ha detto il Sindaco Alessandro Ghinelli ricordando il direttore di Teletruria Gianfranco Duranti. “Ha raccontato la nostra città per oltre 40 anni, una conoscenza profonda e consapevole di Arezzo che amava e che non mancava di criticare quando vedeva gli errori e le storture, che lui percepiva sempre prima degli altri. Sempre comunque con benevolenza e quell'ironia solo apparentemente burbera che lo caratterizzava. Ha insegnato ad almeno due generazioni di giornalisti come si interpreta un mestiere delicato e difficile, e lo ha fatto con uno stile, un equilibrio e una correttezza esemplari, e certamente difficili da emulare. Rimanere “il Direttore” di una testata giornalistica per 44 anni, nonostante il cambiamento di più editori, la dice lunga sul suo carisma e sulla sua autorevolezza. Fino a quando gli è stato possibile ha guidato con la professionalità di sempre la “sua” televisione. Mancherà molto a tutti quelli che lo hanno conosciuto e stimato. E un abbraccio affettuoso e forte a Elena e ad Andrea, con la certezza che Arezzo non lo dimenticherà”.

La camera ardente è stata allestita presso la sede della Croce Bianca di Arezzo. I funerani si terranno domai alle 15:30 al Duomo di Arezzo. 

Foto: Teletruria