Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Della serie "non si sputa nel piatto dove si mangia". Questo in sostanza il contenuto di un video diffuso dalla Asl Toscana Sud Est che fa un caloroso invito ai dipendenti a non diffondere attraverso i social network o peggio ancora ai giornalisti gli eventuali disservizi. 
Sul caso il capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale Maurizio Marchetti ed il coordinatore regionale toscano di Forza Italia non chè nei onorevole Stefano Mugnai hanno presentato un’interrogazione in Regione toscana evidenziando come si sia usato questo strumento pubblico anzichè diffondere una circolare. 
L'Azienda USL Toscana sud est ha scelto di comunicare - leggiamo in una nota ufficiale - con i propri dipendenti attraverso tutti gli strumenti a sua disposizione, compresa la pagina Facebook che è un'interfaccia fondamentale tra l'Azienda, i suoi dipendenti ed i cittadini.
Il video, così come la circolare interna, ha voluto richiamare l'attenzione ad un uso appropriato dei social, delle immagini e delle informazioni nei luoghi di lavoro. Il dipendente pubblico è tenuto al rispetto, oltre che dei valori richiamati dalla Costituzione, delle norme relative alla Privacy e al Codice di comportamento che non possono essere eluse. Questa attenzione è importante, tanto più in un momento sociale così delicato, per difendere l'orgoglio della professione e per rassicurare i cittadini del rigore con il quale giornalmente viene portato avanti il lavoro nelle strutture sanitarie.