Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Sei ordinanze di custodia cautelare in carcere sono state notificate ed eseguite dai carabinieri di Bibbiena (Arezzo) e dai colleghi del gruppo cinofili di Firenze ad altrettanti soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, di detenzione e spaccio di stupefacenti in concorso e detenzione illegale di armi e munizioni. L’operazione, coordinata dalla procura di Arezzo, è scattata stamani ed ha visto indagati cinque uomini, tra cui un albanese, e una donna, tutti sono in età tra i 30 e i 40 anni. I sei indagati avrebbero rifornito, a vario titolo e con vari ruoli, il mercato della tossicodipendenza nel Casentino. Le indagini sono andate avanti con vari metodi ed hanno evidenziato azioni di spaccio e collezionato gravi indizi a carico dei sei arrestati.