Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Picchiava la moglie anche di fronte al figlio di appena 5 mesi.  Si tratta di coppia di richiedenti asilo provenienti dalla Nigeria. Lui un 33enne, le una 23enne ospitati presso una cooperativa sociale a Caprese Michelangelo.
Numerose le circostanze in cui l'uomo ha aggredito, percosso e minacciato la moglie.  Lo scorso 9 aprile la donna, dopo avere subito l’ennesima aggressione, si è fatta accompagnare al pronto soccorso biturgense, dove i sanitari di turno le hanno diagnosticato lesioni guaribili in 10 giorni ed è stato immediatamente attivato il “Codice Rosa”. La donna non ha però rifiutato di essere accolta in una casa d'emergenza ed ha anche rifiutato di sporgere querela per maltrattamenti in famiglia, delitto per il quale per fortuna si procede d’ufficio.  Al 33enne nigeriano, denunciato, sono state revocate le misure di accoglienza.