Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Una discarica abusiva è stata scoperta nei dintorni di Subbiano dai Carabinieri Forestali della procura di Arezzo. In un'area di alcune centinaia di metri cubi sono stati rinvenuti materiale di ogni tipo: scarti di costruzione o demolizione, rottami di ferro, acido solforico, cavi elettrici, pneumatici abbandonati, attrezzature sportive in disuso. L'area, non lontano dalle abitazioni, è stata posta sotto sequestro. Sono partite le indagini per risalire ai proprietari dei terreni. I militari hanno così scoperto che il sito era utilizzato da anni da una conosciuta impresa edile per scaricare rifiuti provenienti da alcuni cantieri, visto che negli ultimi anni l'ammasso di rifiuti era sempre più cospicuo. Il sequestro dei terreni è stato convalidato dal tribunale di Arezzo. E' la prima volta in provincia di Arezzo che viene contestato il reato di discarica abusiva.