Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

La Polizia Stradale di Arezzo ha effettuato un massiccio controllo poco fuori la città, al fine di neutralizzare le condotte di guida distratte che, oramai, costituiscono la principale causa degli incidenti. I poliziotti, con l’ausilio di personale dell’ANAS, hanno chiuso il raccordo tra Arezzo e Battifolle in direzione del casello dell’A/1, in modo da canalizzare tutti i veicoli, compresi i TIR, all’interno della Carbonaia e controllarli accuratamente.

Al dispositivo hanno partecipato anche le pattuglie della Polizia Locale di Arezzo, che hanno utilizzato il targa system, un sofisticato apparecchio che ha letto al volo ben 2.140 veicoli, praticamente quasi tutti quelli transitati da lì.

I risultati sono stati soddisfacenti, tant’è che presto ci sarà una replica. Infatti, le persone controllate sono state 82, mentre 2.218 i veicoli, con 15 conducenti sanzionati, 2 patenti ritirate, 15 punti defalcati e 4 veicoli sequestrati. Di essi, 3 erano senza assicurazione, mentre uno aveva la targa svizzera ma il suo proprietario non ne aveva regolarizzato la circolazione in Italia. In buona sostanza il veicolo, un fuoristrada, non era stato sdoganato per eludere l’erario