Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Con il patrocinio del Comune di Arezzo e in collaborazione con la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Siena, Grosseto e Arezzo, del Museo archeologico nazionale Gaio Cilnio Mecenate, del Polo museale della Toscana, di Mosaico-Munus, del Centro per l’Unesco di Arezzo, della Fraternita dei Laici e con il patrocinio anche della Provincia, l’Associazione Castelsecco promuove un concorso di idee a premi rivolto alla classi delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado. L’iniziativa è volta alla valorizzazione, conoscenza e fruizione dell’area archeologica in prossimità di Arezzo.
Il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli: “L'amministrazione punta fortemente sulla valorizzazione del patrimonio culturale della città e del suo territorio. L'area di Castelsecco ne è parte integrante di enorme valore e l'impegno è quello di promuovere il sito a livello sia nazionale che internazionale. Il coinvolgimento e la partecipazione dei giovani in un concorso di idee per la migliore fruizione dell'area archeologica rappresentano uno stimolo ulteriore e importante verso il suo recupero”.
L’assessore alle politiche scolastiche Lucia Tanti: “Un'iniziativa che si sostanzia nella contaminazione fra studenti e giovani generazioni e un patrimonio inestimabile come Castelsecco, ancora non entrato come meriterebbe nel dna degli aretini. L'amministrazione è convinta che Arezzo sia una città scrigno, che vada scoperta approfonditamente da parte di tutti. In questo caso, partiamo dai bambini per conquistare i grandi.”.
Francesca Guidelli e Franco Lani per l’Associazione Castelsecco: “Tuteliamo questo luogo con manifestazioni estive e operazioni didattiche. Ora ci apriamo alle scuole con finalità di avvicinamento degli alunni alla comprensione del parco archeologico”.
Anche Maria Gatto per il Polo museale della Toscana e il museo archeologico Mecenate e Ilaria Pugi per Mosaico-Munus hanno sottolineato la bontà di tutto quanto utile a promuovere i musei.
Luigia Besi per il Centro per l’Unesco di Arezzo: “L'interesse per Castelsecco da parte del centro Unesco è di antica data così come la collaborazione con l'Associazione Castelsecco. Ci auguriamo che ci siano presto delle sorprese in vista della valorizzazione della sua unicità”.

La partecipazione al concorso è gratuita. Per richiederla basta scrivere una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Gli elaborati dovranno presentare un contenuto avente come tematica principale Castelsecco e potranno essere realizzati su qualsiasi tipo di supporto: filmati, cartelloni, testi letterari, fotografie, testi teatrali. Consegna entro le 18 di venerdì 4 maggio presso il museo archeologico di via Margaritone 10. Il premio per la sezione dedicata alla scuola dell’infanzia sarà uno dei percorsi didattici presenti nell’offerta della Fraternita dei Laici, per la sezione dedicata alla scuola primaria un buono acquisto di materiale didattico del valore di 200 euro finanziati dal Centro per l’Unesco di Arezzo, per la sezione dedicata alla scuola secondaria di primo grado un percorso teatrale in collaborazione con Noidellescarpediverse finanziato dall’Associazione Castelsecco.