Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

E' un'iniziativa unica nel Valdarno aretino ed in particolare a San Giovanni, Duccio e Niccolò, due giovani commercianti dal mese di marzo hanno aperto nel loro locale il frigorifero sociale.
E' l'evoluzione di un progetto di lotta allo spreco alimentare e aiuto ai bisognosi nato in Spagna nel 2015 con il diffondersi della crisi economica.
In pratica è una colonna del loro frigo dove, chi fa fatica ad arrivare a fine mese, può trovare delle vaschette monodose con primi secondi e contorni al prezzo simbolico di un euro.
Un modo per combattere crisi economica e spreco alimentare in una struttura, quella aperta da Duccio e Niccolò che ha l'ambizione di diventare un incontro tra arte, gastronomia e adesso anche sociale.
E c'è da scommettere che l'idea di Duccio Tirindelli e Niccolò Ferrarese, che dal novembre scorso gestiscono “Osteria Fumetti Food Experience” di piazza della Libertà, diventi presto un esempio da seguire anche da parte di altri ristoratori.