Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Nella serata di ieri, a Cavriglia i militari della Stazione Carabinieri Castelnuovo dei Sabbioni, coadiuvati da pattuglia del Nucleo Radio Mobile della Compagnia di San Giovanni Valdarno dipendente,hanno arrestato in flagranza di reato per “porto abusivo d’arma comune da sparo, resistenza a p.u. e minaccia aggravata” , un 27enne calabrese residente a Cavriglia (AR), con piccoli precedenti di polizia.
Il giovane, dopo essersi reso responsabile, per motivi in corso di accertamento, di “minaccia aggravata con arma comune da sparo” nei confronti di un 20enne del luogo, veniva intercettato dal personale dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia, e pur ricevendo l’intimazione a fermarsi, repentinamente tentava la fuga alla guida di motociclo nella sua disponibilità. Durante la manovra repentina, prevenuto, perdeva l’equilibrio e impattava contro l’Alfa 159 in dotazione al nucleo radio mobile. Prontamente immobilizzato da personale operante, veniva trovato in possesso di pistola marca “browning, modello baby, calibro 6.35”, nel cui serbatoio erano contenuti sei proiettili, illegalmente detenuta.
Corso perquisizione, estesa all’abitazione di residenza del prevenuto e al luogo di domicilio, erano rinvenuti ulteriori due proiettili del medesimo calibro. L’arrestato veniva associato presso il carcere di Arezzo. Le indagini proseguono per individuare la provenienza dell’arma trovata in possesso del soggetto.